I blitz dei Super Mario Bros allacci clandestini alla rete idrica

ARTICOLO DEL 28 NOVEMBRE 2014 – CORRIERE DELLA SERA.IT/ROMA

I «gruppi di allaccio popolare» si ispirano al personaggio dei videogames e di notte riattaccano l’acqua a chi non aveva pagato la bolletta

ROMA – S’ispirano al famoso idraulico dei videogiochi «Super Mario Bros» per compiere quella che definiscono una vera e propria «azione sociale». Preferiscono restare anonimi perché consapevoli dell’azione «illegittima» e provocatoria che compiono. A fronte dell’aumento dei morosi da «bolletta dell’acqua non pagata», i cittadini e gli attivisti dei «Comitati per l’Acqua Pubblica», hanno deciso di scendere in campo per dare un segnale chiaro su quello che sta succedendo a tutti gli inquilini «in morosità» costretti a scegliere «tra mangiare e pagare le utenze».

Gruppi di allaccio popolare

Armati di chiavi e tubi, organizzano vere e proprie spedizioni nei condomini e nelle case, in cui si è verificata l’ennesima «privazione del diritto dell’acqua», spiegano i comitati Acqua pubblica. I «Gruppi di allaccio popolare» entrano in azione non prima di un’accurata serie di accertamenti e sopralluoghi, perché nulla è fatto per caso. Si verifica ad esempio se il gestore ha rispettato i termini per l’invio delle comunicazioni all’utente o se è davvero possibile riallacciare il servizio. Per gli attivisti il dato è preoccupante: solo a Roma oltre duecento distacchi al giorno a fronte del 25% delle famiglie che sono «morose» con i pagamenti delle bollette. Una realtà che coinvolge padri che hanno perso il lavoro, madri che un lavoro non possono averlo e giovani che le ore di lavoro le vedono diminuire.

Campagna «politica»

E’ una chiara campagna politica» sottolineano gli attivisti, i «Super Mario Bros» agiscono contro i «gestori dell’acqua» che da settembre scorso, hanno cominciato a staccare le utenze in modo rigido. «Hanno chiuso l’acqua a una donna invalida al 100%», ma ci sono casi in cui famiglie intere e numerose sono lasciate senz’acqua. Di certo i «Super Mario Bros» non vogliono agire soltanto di notte ma anche di giorno, perché il loro obiettivo è portare «la questione allo scoperto». Forse non è bastato il lavoro svolto dagli attivisti con il «Gruppo interparlamentare sull’acqua», al quale hanno chiesto di «rivedere l’articolo che disciplina la morosità», spiega il comitato che da sempre, si batte per il «minimo garantito d’acqua» nei casi di distacco forzoso del servizio, quel minimo vitale per sopravvivere.

Rincaro delle tariffe

Proprio l’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico prevede, infatti, un rincaro delle tariffe di quasi il 10% nel prossimo biennio. «Siamo contrari agli aumenti tariffari sulla bolletta idrica decisi dall’Autorità» dichiara in una nota Lamberto Santini, Presidente dell’Associazione Difesa e Orientamento del Consumatore (Adoc), che punta il dito contro le società idriche che negli anni «hanno guadagnato e lucrato senza mai investire sulle infrastrutture e penalizzando i consumatori», anche inviando bollette prive di logica. Non a caso adesso ci pensa «Super Mario Bros».

Gianluca Russo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...